Centri di Ascolto

Categoria intervento: 

Il Centro di Ascolto (attivo presso la GTT, Gruppo Torinese Trasporti) è uno Strumento di promozione del benessere organizzativo; nasce con l’intento di intercettare quelle forme di disagio individuale, familiare, lavorativo e sociale che generano malessere nel dipendente e “stress” organizzativo; tali forme rischiano infatti di appesantire ulteriormente l’attività operatività e contribuiscono spesso al peggioramento dei climi organizzativi

 

Si configura come luogo di incontro ad accesso gratuito e volontario, in cui i dipendenti e/o loro familiari possono confrontarsi con dei professionisti relativamente alle proprie situazioni di disagio. 

E’ utile soprattutto per quelle situazioni in cui il  lavoratore ritenga che il proprio disagio individuale o familiare tenda a riflettersi anche nell'attività lavorativa ed in quelle situazioni in cui il lavoratore senta il bisogno di chiedere aiuto per un “orientamento” o un “sostegno” relativamente ad un problema che deve affrontare.

 

E’ rivolto a tutti i dipendenti indipendentemente dal loro ruolo o posizione organizzativa; spesso l’accesso è consentito anche ai familiari (coppie, figli, genitori …).  

 

 

Attività

Il Centro di Ascolto opera in regime di piena riservatezza e di totale garanzia dell’anonimato del dipendente che vi accede. 

Il Centro di Ascolto offre consulenze psicologiche il cui obiettivo è informare, orientare e fornire un primo sostegno al disagio personale.

Eroga soprattutto colloqui di sostegno e di consulenza psicologica, ma, in relazione al tipo di accordi che intercorrono con l’organizzazione Cliente, sarà possibile erogare anche percorsi di psicoterapia breve e focale oppure percorsi di coaching.

Può essere un valido strumento di interfaccia con il SSN ed in particolare con i Centri di Igiene Mentale, qualora sia necessario facilitare la collaborazione dell’azienda con tali servizi o qualora sia utile favorire l’accompagnamento e la presa in carico di un lavoratore da parte dei medesimi. Sempre in collaborazione con i Servizi Territoriali, la presa in carico di una situazione problematica da parte del centro di ascolto può sostenere il dipendente nel mantenimento della periodicità dei controlli psichiatrici e farmacologici e contribuire nel monitoraggio del processo di cura.